Ti voglio bene

Date 04-10-2019

por Arsenale della Piazza



Un giorno ho incontrato unbambino
 e mi è scapato dal cuore
"ti voglio bene". 
Da allora "ti voglio bene" mi segue, 
lo dico senza distinzione
a carcerati, a presidenti, 
a ministri, a barboni,
a uomini e donne,
vecchi e bambini 
con lo stesso affetto:
"ti voglio bene".

Da allora ho capito che era il mio saluto perché dice quello che provo: "ti voglio bene". Tutta la notte ho pensato a questo "ti voglio bene" e nella notte ho pensato che avrei scritto un pensiero da mettere davanti a noi come un ricordo,come una possibilità di fare altrettanto.

Ernesto Olivero
Dal Buona Giornata di mercoledì 2 ottobre 2019
www.sermig.org

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok