Balsam Range - The rambler

Date 02-02-2020

por Gianni Giletti

Ossignur che tristezza. 
Ballad dolente, che ti strappa l’anima, i coretti poi spingono sull’acceleratore della malinconia, il violino si preoccupa di spremere le ultime lacrime rimaste e gratta il fondo del barile della solitudine.
Màzzate, che angoscia.
Eppure… mi piacciono queste scorpacciate tristi, in qualche modo misterioso mi restituiscono un po’ di speranza.
Inconsolabile.

Clicca sull'immagine per ascoltare il brano

Il brano di per sé non è tra i più famosi, ma in questo disco non ce n’e uno debole per cui, anche qui si gusta davvero il rock d’annata.

Grandi.

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok