Terça 4 outubro

O “Buona Giornata” é uma reflexão que parte do coração de Ernesto Olivero, fundador do SERMIG - Fraternidade da Esperança, e se dirige ao coração de todos aqueles que se inspiram na espiritualidade dessa Fraternidade. É uma reflexão que nos ajuda a procurar e a viver a Presença de Deus nos acontecimentos de cada dia.

O seu estilo é o de uma família aberta ao mundo: como acontece em uma família, as questões são tratadas com uma linguagem simples e próxima. Por isso, nas palavras de Ernesto às vezes aparece sofrimento, às vezes alegria, às vezes um olhar crítico... Mas sempre em busca do "ponto de vista de Deus”.


Frase para ser meditada durante o dia: La certezza della speranza

Regra do dia


Non è l’abito che ci distingue

Il nostro abito, semplice e dignitoso,
abito di tutti i giorni,
abito di chi non si risparmia,
è adeguato al tempo e al luogo
in cui viviamo.
Non è l’abito a dire
la nostra appartenenza a Dio
ma la bontà, il volerci bene,
lo stimarci tra noi,
il riconoscere l’altro migliore.
Se saremo abitati da Dio
e Lo ameremo con tutto il nostro cuore,
con tutte le nostre forze,
con tutta la nostra debolezza,
saremo rivestiti di Lui
ed avremo il suo profumo.
La croce che portiamo al collo
si ispira a croci dei primi secoli cristiani
ritrovate in una miniera di rame in Giordania,
croci che uomini e donne,
prigionieri per la fede,
sfruttati come schiavi,
forgiavano con le proprie mani
nell'amore per Cristo.
Questa croce
specchiandosi in quella di Gesù
fa memoria
della sofferenza e del dolore
di tutti gli uomini di buona volontà,
credenti e non credenti
di ogni epoca e di ogni parte del mondo,
schiavi, deportati, internati, torturati, uccisi
per un ideale,
per la loro fede,
nei forni crematori, nei gulag,
nelle foibe, nei campi di sterminio
o solamente disprezzati
nelle loro case, nelle loro città.
Ci ricorda
il cuore della nostra Regola,
amati, amiamo:
Gesù ci ha amati per primo,
ci ha amati fino alla croce,
mistero d’amore che sconfigge il male.
Su questa croce c’è l’impronta
della sua resurrezione,
c’è sua Madre, Madre nostra
che fino in fondo ama suo Figlio,
che fino in fondo non Lo abbandona
e non abbandona nessuno di noi.
Portare questa croce
è dire la nostra appartenenza
al Signore e alla sua Chiesa;
ci ricorda il nostro sì totale
e la missione che il Signore ci ha affidato:
trasmettere speranza a chi soffre,
a chi ha fame di affetto, di pane e di giustizia;
formare e «riparare» i giovani nel Bene,
riportarli a Dio.

«Poi, a tutti, diceva: Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua. Chi vuole salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per causa mia, la salverà» (Lc 9,23-24).

«Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria madre di Clèopa e Maria di Màgdala. Gesù allora, vedendo la madre e accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: Donna, ecco tuo figlio! Poi disse al discepolo: Ecco tua madre! E da quell'ora il discepolo l’accolse con sé» (Gv 19,25-27).


Commento di Rosanna Tabasso







Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok