Dom Luciano e la Chiesa del futuro

Date 01-11-2008

por Guido Morganti

In occasione della cerimonia in onore di Dom Luciano, l’1 marzo 2008, abbiamo rivolto una domanda a Dom Odilo Pedro Scherer, arcivescovo di San Paolo.

 

Cosa ha lasciato Dom Luciano alla Chiesa brasiliana e dell’America Latina? Ha ancora qualcosa da dire alla Chiesa del futuro?
Dom Luciano ci ha lasciato innanzitutto la testimonianza della sua vita. Da prete, da vescovo ha ammaestrato attraverso la promozione di poveri, con il dare loro dignità umana. È stato un grande testimone del vangelo in mezzo alla gente. E questo rimane.

Era un uomo molto saggio, ma anche santo, molto semplice, umile e queste qualità hanno sempre impressionato. Tutti si potevano avvicinare a lui e lui dedicava attenzione a tutti. E poi era sempre interessato in modo specifico ad ogni persona.
odilo.jpg
Il card. Odilo Scherer, arcivescovo di San Paolo,
e Dom Pedro Stringhini, vescovo ausiliario della regione Belem

 

Ci ha lasciato la testimonianza di questo stile di vita, che ha fatto tanto bene e continuerà a farlo anche in futuro, perché è l’impegno della Chiesa, è la proposta del vangelo. Infatti la Chiesa convince quando agisce.

C’è chi riesce a farlo meglio, chi meno bene, ma tutti siamo chiamati a operare come operava Dom Luciano, con molto impegno.

A cura di Guido Morganti

Vedi: L'Arsenale della Speranza dedicato a Dom Luciano
 

Vai alla home "Dom Luciano Mendes de Almeida

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok