Maurizio Favaretto ha perso la vista 6 anni fa. Ma continua a pedalare

Date 06-10-2021

por Chiara Vitali

Un tandem, due persone, quattro gambe: per Maurizio Favaretto, la corsa verso una nuova passione è iniziata così. Sei anni fa ha perso completamente la vista a causa di alcune patologie pregresse. Ex calciatore e allenatore, da sempre appassionato anche di ciclismo, nel 2019 ha potuto stringere la mano ad uno dei suoi idoli, Franco Balmamion, ultima maglia rosa torinese. E lì è nata per Maurizio la voglia di mettersi in sella, che è stata ascoltata e accolta dal suo educatore Angelo Bazzana, della Residenza di Tina, Rsa e residenza di assistenza flessibile per persone con disabilità.

La coppia ha programmato allenamenti regolari  fino ad un primo traguardo: compiere i 100 chilometri tra Tina, in provincia di Torino, e Arona, in provincia di Novara.
Un percorso in cui lo sport è anche terapeutico: diviene mezzo di realizzazione per la persona, che va oltre i suoi limiti fisici e psicologici. E non solo: l’esperienza di Maurizio e Angelo può essere di ispirazione per le strutture Rsa o Ref che vogliono essere luoghi di valorizzazione di talenti e desideri.

"Tandem" è il nome che Maurizio e Angelo hanno dato al progetto, che continua: il 16 settembre la coppia è arrivata fino alla Basilica di Superga, simbolo di Torino che svetta sulla città. Lì, a 600 metri di altezza, il "Tandem" ha stretto un gemellaggio con il Sermig, che dal 2 agosto ha in gestione la basilica. Un'amicizia che continua: oggi sono venuti a Superga per raccontare la loro storia all'arrivo della corsa ciclistica Milano-Torino: sotto la linea d'arrivo dei campioni più forti del mondo c'è stato spazio per riflettere sulle buone notizie, raccontate dai giovani "Reporter di Buone Notizie" del Sermig.


Chiara Vitali

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok