Come l’organizzazione italiana, con quasi 60 anni di storia, aiuta gli ucraini fornendo aiuti umanitari

Date 14-04-2022

por Redazione Sermig

Come l’organizzazione italiana, con quasi 60 anni di storia,

aiuta gli ucraini fornendo aiuti umanitari

 

L’organizzazione italiana SERMIG onlus, che ha iniziato le sue attività di volontariato nel 1964, dall'inizio della guerra in Ucraina ha lanciato un nuovo progetto per aiutare gli ucraini in difficoltà. Di recente Ernesto Olivero, fondatore del SERMIG, ha tenuto una riunione online con il segretario del consiglio comunale di Rivne Viktor Shakirzyan e ha raccontato che migliaia di italiani si recano ogni giorno alla sede dell’associazione per aiutare a raccogliere medicinali, alimentari e vestiti destinati all’Ucraina.
 

Come tutto è iniziato
Gli ucraini che già da molti anni vivono e lavorano all'estero non si sono tirati indietro con l’inizio della guerra, anzi, hanno iniziato immediatamente a cercare opportunità per dar sostegno finanziario e materiale ai loro compatrioti. Uno di loro era Viktor Korniychuk, originario di Rivne, partito per l'Italia più di 10 anni fa. Tramite le sue conoscenze nel bel paese, Victor ha incontrato i volontari dell'organizzazione "SERMIG onlus", che hanno immediatamente accettato di riempire un camion con medicinali ed alimentari e per i rifugiati ucraini. Per far arrivare questo aiuto a coloro che ne avevano bisogno davvero, Victor si è rivolto al segretario del Consiglio comunale di Rivne Viktor Shakirzyan. Pertanto, il primo carico arrivato a Rivne è stato confezionato e consegnato con piccoli minibus - a volte attraverso le strade campestri - ai militari nei posti più pericolosi nelle regioni di Kyiv, Kharkiv e Mykolayiv. Una parte di questi alimentari e materiali sono stati consegnati agli orfanotrofi e agli ospedali presenti nella regione di Rivne.

L’organizzazione del lavoro a Rivne:
I camion con gli aiuti umanitari arrivano al magazzino, dove i volontari selezionano e smistano tutto il materiale, tenendo traccia ed imballando le scatole, in base alle esigenze e alle richieste ricevute. Il segretario del Consiglio comunale di Rivne, Viktor Shakirzyan, afferma che loro stanno cercando di lavorare solo con agenzie ufficiali e organizzazioni verificate per evitare speculazioni e per consegnare il materiale a quelle persone che ne hanno davvero bisogno.

“Inviamo quotidianamente report fotografici e video ai nostri amici all’estero, in cui mostriamo cosa viene spedito da qui e verso dove. Questo è il modo in cui rendiamo conto a quelle persone che investono in questi aiuti, - afferma Viktor Shakirzyan. - Ci rifiutiamo, per principio, di raccogliere fondi o aiuti finanziari, perché in Ucraina c'è una carenza di prodotti di lunga durata, di alimenti per la prima infanzia e di medicinali specializzati. Ecco perché questo aiuto è così necessario ed importante per l'Ucraina".

Di cosa si parlava durante l’incontro virtuale con i fondatori del SERMIG:
Qualche giorno fa c'è stato un incontro online tra il segretario del consiglio comunale di Rivne Viktor Shakirzyan e il fondatore dell'organizzazione "SERMIG Onlus", Ernesto Olivero. Il segretario del Consiglio comunale di Rivne ha proposto l’organizzazione di questa conferenza per ringraziare gli italiani del loro aiuto.
Proprio grazie alla loro azione, più di 50 tonnellate di aiuti umanitari sono stati consegnati da Rivne ad altre città che attualmente si trovano al centro delle ostilità.

"Lavoriamo per il mondo. Il mondo è impossibile senza la pace", con queste parole Ernesto Olivero, il fondatore del SERMIG, ha incoraggiato gli ucraini a mantenere il morale alto, perché il mondo intero si è unito all'Ucraina.

A sua volta, Victor Shakirzyan ha ringraziato tutto il popolo italiano per la sua disponibilità, per l’aiuto e il sostegno. Migliaia di famiglie ucraine hanno ricevuto del materiale, alimentari e tutti gli aiuti necessari grazie alle persone che a duemila chilometri di distanza sono preoccupate per il destino dell’Ucraina.

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok