Lockdown vs sport

Date 21-02-2021

por Carlo Nesti

Le limitazioni dell’era del Covid-19 hanno preso di mira, in modo estremamente nocivo, le basi essenziali dell’attività motoria. Sembra un paradosso, ma quel lockdown, indispensabile per la tutela della salute, cozza inevitabilmente contro un requisito-chiave della salute stessa: la necessità di muoversi.
Isolamento, aumento di peso e iperconnessione sono le conseguenze della sedentarietà forzata, a danno dei giovani come degli adulti. Si impone quale stile di vita tutto ciò che, di solito, viene sconsigliato, ovvero non camminare, mangiare troppo, e passare ore collegati ai device.
Il luogo dove c’è il contatto fisico, e la respirazione diventa intensa, nell’ipotesi che un individuo sia portatore del virus o malato (ricordando che ci sono anche gli asintomatici), è più facilmente predisposto per il contagio.
Ma se ci fosse l’accortezza di evitare gli assembramenti prima e dopo l’attività fisica, come negli spogliatoi, si abbasserebbe di molto il rischio. Infatti, per un certo periodo, sono stati consentiti calcetto e simili, salvo poi fare retromarcia, quando la curva del coronavirus ha ripreso a salire.

L’ideale sarebbe tornare a pratiche che fanno anche parte, nello specifico, della cultura cristiana: il gioco negli oratori, come nei cortili, ad esempio, sarà pure caratterizzato da una scarsa organizzazione, ma garantisce uno sfogo alla voglia di muoversi.
Ciò, purtroppo, non succede, e i bambini, già a 3 anni, vengono iscritti ai corsi, nei circoli sportivi. Perché? Perché mancano gli spazi, ed esiste una sorta di prevaricazione del mondo degli adulti. I piccoli generano schiamazzi, creando fastidio per un’esuberanza naturale che, invece, andrebbe coltivata.
L’altro aspetto è la sicurezza: è diventato pericoloso andare in bicicletta. O gli stessi parchi: ci sono quelli mal frequentati e, dall’altra, quelli dove i bimbi non possono saltare sull’erba. Ed allora ecco che le occasioni per svolgere attività motoria diminuiscono, al di là delle restrizioni del momento.


Carlo Nesti
www.carlonesti.it
NP dicembre 2020

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok