Sorella acqua

Date 22-09-2021

por Sandro Calvani

Le guerre per l'acqua sono già cominciate. In Siria è stata la scarsità d'acqua a scatenare le prime tensioni e migrazioni interne nel 2011 poi scoppiate nel conflitto più grave del nostro tempo. Un'adeguata disponibilità di acqua potabile è indispensabile per la disponibilità di cibo e per la salute e quindi fondamentale per lo sviluppo sostenibile di società giuste e pacifiche. La pressione sulle risorse idriche è in aumento ovunque a causa della rapida crescita demografica e socioeconomica e degli usi idrici non sostenibili.



Sebbene una parte significativa della superficie terrestre sia coperta d'acqua, solo una minuscola frazione di essa è disponibile per il sostentamento della vita; il resto è acqua salata o congelata nei ghiacciai o nelle calotte polari. Sul totale mondiale delle risorse di acqua dolce, l'Asia ha la quota più alta (circa 33%), America Latina e Caraibi (32 %), Nord America (13%), Europa (12%), Africa subsahariana (9%), Medio Oriente e Nord Africa (1%). Inoltre, il mondo preleva ogni anno circa il 9% dell'acqua dolce per soddisfare le esigenze del settore agropecuario (60%), industriale (22%) e domestico (18%).
I Paesi a reddito medio-basso come l'India usano il 90% di acqua per l'agricoltura, mentre i Paesi ad alto reddito come gli Stati Uniti ne utilizzano il 46% per l'industria, il 14% per uso domestico e 40% per l'agricoltura e per gli allevamenti di bestiame.

L'acqua è una risorsa globale senza frontiere. Tra gli obiettivi più urgenti per lo sviluppo sostenibile c'è l'intero ciclo dell'acqua, dall'acqua potabile ai servizi igienico-sanitari di base, comprese la qualità dell'acqua e la gestione delle acque reflue, l'uso efficiente, la gestione integrata, la protezione e il ripristino degli ecosistemi legati all'acqua.
Gli sprechi in un angolo del pianeta danneggiano la disponibilità in un altro. Per esempio, molte città italiane hanno fontane pubbliche e rubinetti pubblici sempre aperti. Roma ne ha più di duemila, e quasi tutta l'acqua potabile si perde negli scarichi delle acque piovane. La rete idrica italiana gestisce ogni anno oltre otto miliardi di metri cubi di acqua, di cui più di tre miliardi vanno sprecati a causa di perdite.

Quattordici dei 33 Paesi probabilmente più stressati dall'acqua nel 2040 sono in Asia e Medio Oriente, inclusi nove considerati estremamente stressati con un punteggio di 5,0 su 5,0: Bahrain, Kuwait, Palestina, Qatar, Emirati Arabi Uniti, Israele, Arabia Saudita, Oman e Libano. Asia e Medio Oriente – le aree meno sicure al mondo per i diritti dell'acqua – attingono fortemente alle acque sotterranee e all'acqua di mare desalinizzata e devono affrontare sfide eccezionali legate all'acqua per il prossimo futuro.


Sandro Calvani
NP maggio 2021

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok