Rete di salvataggio

Date 06-07-2021

por Mauro Palombo

Anche per i progetti sco­lastici e di crescita uma­na – che promuoviamo in Vietnam e Cambogia assieme alle suore FMA per consentire l'accesso alla scuola di ragazzi e ragazze – l'emergenza sanita­ria, anche lì, ha fatto esplodere le gran­di contraddizioni di società dove, tra diseguaglianza e esclusione sociale, è sempre la miseria la più grave minac­cia per la salute. Sia in Vietnam che in Cambogia, si sono alternati periodi di emergenza più o meno acuti. La situa­zione sanitaria però è forse la meno grave.

Il Vietnam è ormai un sito produtti­vo competitivo rispetto alla Cina per un costo del lavoro ancora inferiore; anche nel 2020, primari investitori in­ternazionali e anche cinesi, vi hanno spostato fabbriche per l'esportazione. Chiuse però, non appena il calo della domanda estera e le difficoltà al com­mercio hanno colpito i volumi di pro­duzione. Le famiglie che "alla giornata" vivono appena, come i braccianti, gli operai generici, gli impiegati in lavori saltuari, si sono trovati improvvisa­mente senza lavoro e senza denaro. Le scuole sono state chiuse nei primi mesi dell'epidemia; poi riaperte, con molte precauzioni. In questo scenario di crisi, una scuola chiusa per molti può poi esserlo per sempre: strada in discesa per un futuro di miseria. Come racconta suor Elena Miravalle, la risposta è stata la rete di comunità solidale che si è costruita negli anni. «Allora si è concretizzata la carità. Le parrocchie ancora adesso distribui­scono un pasto al giorno. Abbiamo portato aiuti a 1.500 famiglie, le più svantaggiate, quelle che abitano le ba­racche ai margini del fiume, i gruppi etnici delle periferie. Tra queste fami­glie c'erano anche i "vostri" ragazzi. Per molti di loro restare senza scuola è stato un trauma, allora le suore hanno "inventato"… Hanno radunato piccoli gruppetti di alunni per lezioni saltua­rie, secondo le possibilità. Hanno in­vitato studenti delle classi superiori a prendersi cura di bambini delle classi inferiori, dando lezioni specie la do­menica, poiché le piccole chiese lonta­ne dalla città non sono state chiuse del tutto. Ora che si sono riaperte le scuo­le, l'impegno è di portare gli alunni a ricuperare il tempo perduto, a prepa­rarsi agli esami…». I ragazzi/e sostenuti agli studi sono come sempre molto responsabili. Al­cuni sono giunti alla fine del loro ciclo, trovando lavoro. Qualche famiglia ha minore necessità di aiuto, e spontanea­mente lo lascia ad altre, che non man­cano mai.

In Cambogia, la brusca chiusura dei circuiti turistici si è rapidamente unita al blocco delle attività produttive per l'esportazione, facendo mancare quel­le che erano fonti di sostentamento per molta gente. La sfida è stata mantenere il servizio della Scuola Professionale pronto per la ripresa oggi e aiutare le 160 giovani che lo frequentano, le loro povere famiglie, e altre ancora, nel tempo della chiusura. Il progetto degli "oratori di strada" che sosteniamo, una esperienza nuova dove le studentesse della Scuola Professionale delle suore offrono il loro servizio alla comunità nel territorio animando attività educa­tive partecipate per gruppi di bambini e ragazzi nelle periferie, circa 600, ha dovuto confrontarsi con le limitazioni della pandemia. Il Paese oggi si è an­cora di più impoverito, i programmi di sostegno scolastico e azione nelle periferie sono e saranno, se possibile, ancora più importanti. L'amore trova la sua strada, vivendo incontri, e trasformandoli in relazioni, in vita.

Se vuoi aiutarci: 
Associazione Sermig Re.Te. per lo Sviluppo
IBAN: IT29 P030 6909 6061 0000 0001 481 Banca Intesa SanPaolo

 

Mauro Palombo
NP marzo 2021

 

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok